La vitamina C senza plastica di Common Heir è il mio nuovo eroe della pelle [esclusivo]

Erede comune

Per gentile concessione di Common Heir

In questo articolo

Il fattore eco La formula La recensione

I fondatori Cary Lin e Angela Ubias hanno fondato il loro marchio di bellezza Erede comune con una domanda in mente: 'C'è un modo per rendere la plastica nella cura della pelle completamente facoltativa?'



Al nostro, abbiamo scritto ampiamente su come la plastica sia un problema per il nostro pianeta, eppure è onnipresente nel nostro settore. Le statistiche non mancano mai di scioccarmi: potrebbe esserci più plastica che pesce nell'oceano entro il 2050, e la maggior parte di questo proviene dagli imballaggi. Solo il 9% della plastica nel mondo è stato riciclato e per risolvere questo problema ci vorrà più della diligenza nello smistare la nostra spazzatura. “Il riciclaggio è un affare”, mi ha spiegato Lin, “anche se arriva al tuo impianto di smistamento municipale, può essere risolto.Se un materiale non è redditizio da riciclare, le strutture non lo faranno '.

Ecco perché Lin e Ubias stanno lanciando il primo siero di vitamina C con confezione completamente priva di plastica, il prodotto eroe del loro nuovo marchio Common Heir. Come veterani dell'industria della bellezza, hanno visto progresso intorno agli ingredienti puliti , ma desiderava estendere tale progresso all'intera catena di approvvigionamento. La loro formula al 10% di vitamina C è disponibile in capsule biodegradabili, che vengono conservate in un tubo di carta riciclabile.

la strada della città vecchia di lil nas x

Mi sono seduto con i fondatori di Common Heir per parlare di imballaggi sostenibili e dare una prima occhiata esclusiva alla loro nuova formula, che è diventata un siero di base nella mia routine mattutina.

Il fattore eco

Il siero di vitamina C al 10% di Common Heir è certificato OECD 301F, il che afferma che il loro prodotto è prontamente biodegradabile: né le capsule né il siero al loro interno danneggeranno l'oceano e si degraderanno naturalmente nell'ambiente entro un tempo. Le capsule a base vegetale si decompongono rapidamente in acqua calda, che puoi testare a casa (o utilizzare per eliminare le capsule usate e ridurre al minimo gli sprechi).

Capsule dell

Per gentile concessione di Common Heir

'data-caption =' 'data-expand =' 300 'id =' mntl-sc-block-image_1-0-11 'data-tracking-container =' true '/>



Per gentile concessione di Common Heir

Lin ha anche sottolineato che il loro prodotto è leggero: il metodo di consegna delle capsule significa che non devono aggiungere ingredienti di riempimento come l'acqua, che aggiungono chili in più durante il trasporto. 'Le alternative alla plastica sono spesso vetro o alluminio o cose piuttosto pesanti', ha detto. “Penso che le persone sentano che un prodotto è lussuoso quando ne sentono il peso. Volevamo ribaltare le aspettative delle persone su come la cura della pelle premium senza plastica potesse davvero apparire, sentire e applicare '.

Oltre alla politica di non plastica per i loro imballaggi, Common Heir ha anche rinunciato alle microplastiche, i minuscoli pezzi di plastica che si trovano nei prodotti di bellezza che spesso vengono lavati nello scarico e ingeriti dalla vita marina. Common Heir ha donato un dollaro al Progetto Ocean Blue per ogni cliente che si è iscritto alla lista d'attesa e ogni dollaro ha contribuito a rimuovere mezzo chilo di microplastiche dal mare.

La formula

Common Heir utilizza Tetrahexyldecyl Ascorbate (THD) vitamina C nella loro formula invece di acido L-ascorbico, la forma di vitamina C più comunemente usata nei prodotti di bellezza. Rispetto all'acido L-ascorbico, THD è:

  • Più stabile: Tutti i consumatori abituali di vitamina C sanno che i prodotti hanno il potenziale per diventare funky, con un forte odore e un colore arancione bruciato. L'imballaggio extra (pompe, vetro spesso, plastica opaca) ha spesso lo scopo di proteggere il prodotto dall'ossidazione. Il THD di Common Heir è super stabile e solubile in olio, quindi rimarrà fresco senza acqua all'interno delle capsule.
  • Meno irritante: 'È abbastanza gentile per un utente inesperto', mi ha spiegato Ubias. Prima dell'erede comune, la stessa Ubias non era una fan della vitamina C. Tutte le formule di acido L-ascorbico che aveva provato (o su cui aveva lavorato) in passato le davano quello che lei chiama 'L'effetto Listerine'. Ma la loro formula THD offre tutti i benefici della vitamina C senza bruciore o irritazione, e ora è una convertita.
  • Più penetrante: Molti sieri di vitamina C contengono il 20% o addirittura il 25% di acido L-ascorbico, che contribuisce al fattore di irritazione. Il test di Common Heir ha mostrato gli stessi risultati con solo il 10% di THD nella loro formula perché il derivato penetra meglio nella pelle, specialmente se abbinato ad altri prodotti.

La vitamina C è un antiossidante illuminante che stimola la produzione di collagene, migliora l'iperpigmentazione e protegge dai fattori di stress ambientali. Puoi leggere di più su dove si inserisce nella tua routine di cura della pelle nel nostro guida completa agli ingredienti .

Gli altri ingredienti nella formula di Common Heir includono lenitivo e curativo Vitamina E , antinfiammatorio radice di marshmallow e illuminante radice di liquirizia .

La recensione

Sulla mia pelle grassa, la formula sembrava pesante quando applicata per la prima volta, ma si è asciugata fino a ottenere quella finitura satinata perfetta. Anche quando l'ho abbinato ai miei oli per il viso notturni più intensi, non mi sono mai sentito troppo grasso, il che è raro per me. La mia pelle sembrava idratata e illuminata dall'interno il primo giorno e sono entusiasta di raccogliere i benefici a lungo termine degli ingredienti attivi, come una consistenza e un tono della pelle più uniformi.

La mia routine mattutina

Kathryn Vandervalk

'data-caption =' La mia attuale routine mattutina per la cura della pelle. ' data-expand = '300' id = 'mntl-sc-block-image_1-0-28' data-tracking-container = 'true' />

Kathryn Vandervalk

La mia attuale routine mattutina per la cura della pelle.

La mia parte preferita è la quantità di prodotto che riescono a inserire in ogni piccola capsula, più la viscosità. Posso spruzzare e spalmare facilmente il siero, ma non gocciola ovunque. E miracolosamente, dentro c'è abbastanza per il collo. Quando i prodotti consigliano di utilizzare 'una o due gocce su viso e collo', raramente ne ho abbastanza per l'intera area, o il siero si asciuga troppo velocemente per distribuirlo. Poiché le capsule Common Heir sono monouso, voglio approfittare di ogni goccia e ho dato al mio collo un amore in più, una parte cruciale delle cure antietà.

Come Ubias, ho anche avuto problemi con l ''effetto Listerine' della vitamina C. In passato, l'irritazione ha fatto scoppiare la mia pelle sensibile. Usando Common Heir, non ho sperimentato alcun bruciore o sfogo, solo bagliore.

guarda l'eclissi sul tuo telefono

60 capsule sono disponibili in ogni confezione da $ 88, un buon valore quando si tratta di opzioni per la cura della pelle in capsule (solo leggermente più costose di alcune formule di farmacia, se si considera che molte confezioni contengono solo 30 capsule). Tutto sommato, è tutto ciò che potrei desiderare da un siero di vitamina C, inoltre tiene la plastica fuori dal nostro ambiente: sono venduto.

I preordini sono disponibili il 16 marzo e verranno spediti il ​​giorno del lancio ufficiale, il 6 aprile.

siero erede comune

Erede comune Siero di vitamina C al 10% $ 88 Negozio 7 semplici modi per rendere la tua routine di bellezza più sostenibile Fonti dell'articolocoglie ogni opportunità per utilizzare fonti di alta qualità, inclusi studi sottoposti a revisione paritaria, per supportare i fatti contenuti nei nostri articoli. Leggi il nostro linee guida redazionali per saperne di più su come manteniamo i nostri contenuti accurati, affidabili e affidabili.
  1. La nuova economia della PLASTICA: ripensare al futuro della PLASTICA e dell'azione catalizzante. (n.d.). Estratto il 16 marzo 2021 da https://www.ellenmacarthurfoundation.org/publications/the-new-plastics-economy-rethinking-the-future-of-plastics-catalysing-action

  2. Plastica: dati specifici del materiale. (2021, 5 gennaio). Estratto il 16 marzo 2021 da https://www.epa.gov/facts-and-figures-about-materials-waste-and-recycling/plastics-material-specific-data